bollino ceralaccato

Apocalissi Immobiliare- Parte 3: il Facility Management e Finanza Immobiliare – insieme!

I “mondi” finanziari e immobiliari (culturalmente incompatibili e inconciliabili) trovano finalmente una proficua “cerniera” nel Facility Management e nel Property Management, capaci di conciliare il concrete (cemento, in inglese) con il virtuale, i beni immobili con quelli mobili, la funzionalità con la redditività, i risultati a breve periodo con quelli a lungo periodo. Come…? Con una “apo-calissi” (dis-velamento, in greco) di una nuova cultura manageriale applicata a una nuova Finanza Immobiliare.

Facility management e finanza immobiliare

[Per capire meglio come cogliere le Opportunità di un moderno e complesso Facility&Property Management, sia con gli attuali Clienti, Fornitori o Investitori sia attraendo dalla Rete quelli più coerenti ai propri Valori, contattaci:  redazione@complexlab.it ]

Premessa (sempre la stessa, saltala pure…)

I “mondi” finanziari e immobiliari (culturalmente incompatibili e inconciliabili) trovano finalmente una proficua “cerniera” nel Facility Management e nel Property Management, capaci di conciliare il concrete (cemento, in inglese) con il virtuale, i beni immobili con quelli mobili, la funzionalità con la redditività, i risultati a breve periodo con quelli a lungo periodo.  Come…? Con una “apo-calissi” (dis-velamento, in greco) di una nuova cultura manageriale applicata a una nuova Finanza Immobiliare

Un affare nel quale si guadagna solo danaro non è un affare – Henry Ford.

Nella II Parte di questa serie di articoli (“La follia disastrosa della (vecchia…) Finanza Immobiliare“) ho condiviso il “bubbone mondiale” degli strumenti di una obsoleta e tossica finanza immobiliare, e la necessità di trovare forme più equilibrate e scientifiche di collaborazione tra culture antitetiche quali quelle finanziarie e immobiliari in una moderna Finanza Immobiliare Complessa.

La “chiave di volta” di una nuova e solida architettura finanziario-immobiliare è rappresentato dal Facility Management , insieme al  Property Management.

Al di là della metaforica considerazione che serve sempre un terzo per conciliare posizioni e culture distanti, è certamente condivisibile osservare che:

  • l’evoluzione della cultura immobiliare è passata, come anticipato nella I Parte, dal costruire per vendere e capitalizzare, al costruire per effettuare trading (rivendite successive dello stesso immobile, tipicamente seconde case, multiproprietà, case vacanze, box auto, ecc…) , al costruire soprattutto “per creare mutui da poi cartolarizzare nei CDOCollateralized Debt Obligations ” (battuta che circolava negli USA prima della crisi subprime!), al costruire immobili… invendibili in un mercato drogato e saturo!
  • l’evoluzione della cultura finanziaria è passata dall’investire in progetti imprenditoriali con possibilità di rivalutazione dei relativi titoli nel medio termine, all’investire su tali titoli come pura scommessa sul loro andamento nel breve-medio periodo, all’investire su strumenti finanziari derivati da tali titoli per accelerare la scommessa nel breve periodo oppure per ridurre i rischi degli andamenti di titoli e valute, all’investire su sofisticati strumenti finanziari derivati (basati però su imponenti e obsoleti apparati statistico-matematici, che ignorano i fondamenti della Teoria della Complessità…!) [vedi mio corso online su: http://www.pfacademy.it/corso.php?idCo=82 ] capaci di convincere autorevoli banchieri, finanzieri governanti, accademici, ecc… sulla possibilità di una agognata conciliazione tra:
    • investire nel solido mattone
    • con le tipiche redditività finanziarie e
    • con la mobilità di capitali che gli immobili tradizionalmente impedivano.

Entrambe le culture sono naufragate proprio sul “veicolo” finanziario-immobiliare che doveva trasportarle verso un fulgido futuro: i CDO (Collateralized Debt Obligations) che promettevano tale miracolosa conciliazione.

Oggigiorno, con una maggior consapevolezza della Complessità Immobiliare e Finanziaria, la moderna e scientifica Finanza Immobiliare sta realizzando una convergenza epocale tra gli ambiti accademici, finanziari, immobiliari e, finalmente, operativo-gestionali!

L’evoluzione delle due culture immobiliare e finanziaria è passata, in sintesi, dal costruire al gestire, dal capital gain alla rendita o redditività.

Domanda: chi ragiona già da tempo, e con un approccio scientifico e imprenditoriale, sui temi della gestione e della redditività immobiliare ? Chi cura la funzionalità , la manutenzione , la messa a reddito e la conseguente contabilità degli immobili ?

Risposta: il Facility Management, insieme al Property Management, che parte dalla cultura immobiliare per tradurla in termini di garanzia di funzionalità e di redditività comprensibili alla cultura finanziaria, che potrà finalmente tornare a investire con maggiore serenità sul “mattone” – solido e duraturo.

Un tipico problema emerso nell’avvio dei Brick Shares ™ (vedi Parte 1) risiedeva proprio nei due approcci antitetici di chi voleva investire (la finanza) e chi aveva un valido progetto (l’immobiliare); il circolo vizioso che s’instaura è: chi ha l’idea valida di un proficuo business case ha necessità di capitali d’investimento; per averli deve convincere gli investitori con un progetto e un business case dettagliati e con qualche garanzia iniziale in termini di caparra sul terreno o immobile oggetto del progetto; tali oneri iniziali non arriveranno mai dai potenziali investitori senza avere prima un tangibile progetto e business case e senza la sicura disponibilità del terreno, o immobile, individuato; insomma, l’ideatore (senza capitali) non può realmente avviare il progetto senza i capitali degli investitori (i quali non riescono ad avere una chiarissima idea del progetto )…

Ecco un primo determinante ruolo del Facility Management e del Property Management: essere i catalizzatori del dialogo proficuo tra l’immobiliare a la finanza:

  • promuovendo il progetto con un piccolo contributo iniziale necessario per sviluppare lo studio e il business case, e le necessarie caparre e costi delle autorizzazioni;
  • garantendo agli investitori, attraverso i propri facility services e facility managers , una visibilità a lungo termine sulla funzionalità, operatività, redditività del progetto;
  • gestendo, insieme ai property managers con i loro property services , la fase di contrattualizzazione del rapporto e di avvio societario che porterà alla realizzazione del progetto e dell’investimento;
  • ricevendo, in ritorno dal piccolo investimento iniziale, la gestione dell’immobile per un periodo medio-lungo.

Ulteriori ruoli determinanti del Facility Management , per catalizzare maggiori e più impegnativi progetti , riguardano la propria capacità di:

  • assorbire cessioni di ramo d’azienda e/o esternalizzazioni (outsourcing ) di attività
  • assorbire la dismissione del personale relativa a tale ramo d’azienda , senza impatti sociali negativi
  • perseguire scientificamente e con determinazione varie forme di risparmi ( saving ) attraverso riduzioni di costo derivanti dalle ottimizzazioni dei propri facility services.

Tutto ciò è “musica per gli orecchi” di finanziatori che cercano sbocchi alla enorme liquidità che non trova più approdi sereni.

 

MORALE: Il Progetto di connubio tra Finanza e Immobiliare (senza la semplicistica soluzione di una inefficace diversificazione degli investimenti immobiliari con una miope prospettiva di breve termine!) è quindi possibile, come sostiene anche l’autorevole prof. Oliviero Tronconi , grazie sia a nuovi strumenti finanziari (Brick Shares ™ ) sia alla collaborazione tra Property Management, Facility Management e Finanza Immobiliare .

Sempre, però, nel rispetto del vero Talento della Complessità, ossia “ saper immaginare scenari futuri possibili prima e meglio di altri!”  

Per ulteriori informazioni e chiarimenti: nicola.antonucci@libero.it

Ad maiora!

Nicola Antonucci

7 maggio 2010

 

 

Nicola Antonucci

Nicola Antonucci

  • Azienda: ComplexLab
  • Posizione: Founder
  • Città: Milano
  • Cell: +393488558073
  • Email:nicola.antonucci@complexlab.it
  • Competenze:
    • Business Development - Digital & Traditional
    • Procurement - Acquisti
    • Facility Management
    • Digital & Content Marketing
    • Finanza - trading systems

etica

Cerchi un matching di Competenza & Etica con un Fornitore o con un Cliente di Servizi di Facility Management?

Approfitta del ns servizio di Digital Business Development !

Scrivici a:

Collaborano al progetto

 

logo ifma completoblu

 


 

logo gestitec polimi

 


 

TeMA Logo

 


 

Financial Broker - Nicola Antonucci

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Satsang - III Passo: Progetto Bene Comune - Mi ribello dunque... SIAMO !

APPLICAZIONE PRATICA E PERSONALE delle condivisioni teoriche e pratiche dei Satsang precedenti. Modalità di sviluppo e miglioramento della propria Rete di Connessioni Empatiche (= Spirituali) con...

Satsang - II Passo: Quale Sogno Costruttivo per una Vita Ap-pagante

APPLICAZIONE PRATICA E PERSONALE dell'approccio (Creator) Dream Wellness & Therapy, attraverso il metodo del "Triplice Sogno", per far emergere il tuo vero Sogno Costruttivo e conseguente Cammino p...

Satsang - I Passo: Dal Caos Esistenziale alla Felicità Sostenibile

Comprensione scientifica del contesto "Ambientale" più ampio (umano, antropologico, cognitivo, sociale, economico-finanziario...) ESSENZIALE PRIMA di concepire qualsiasi tuo Sogno Creatore / Costr...

Angeli, Spiriti Guida...? Come andare oltre, con la Spiritualità Scientifica - 2

Hai notato quanti "maestri spirituali" pongono al centro del proprio insegnamento queste forme di spiritismo, a discapito della vera Spiritualità e delle Scienze...? Andiamo a capire perché e, so...

Il Potere di Adesso, l'Eterno Presente...? Come andare oltre, con la Spiritualità Scientifica - 1

Hai notato quanti "maestri spirituali" pongono al centro del proprio insegnamento questo strapotere del Presente, a discapito soprattutto del Futuro...? Andiamo a capire perché e, soprattutto, qua...

Chi è un(a) Chief Happiness Officer - Manager della Felicità ?

Chi può efficacemente aiutare aziende che soffrono per il turn-over di talenti e di personale qualificato con crescenti costi e inefficienze nella gestione del personale? Il Counseling (con il Cou...

×