bollino ceralaccato

Apocalissi Immobiliare- Parte 3: il Facility Management e Finanza Immobiliare – insieme!

I “mondi” finanziari e immobiliari (culturalmente incompatibili e inconciliabili) trovano finalmente una proficua “cerniera” nel Facility Management e nel Property Management, capaci di conciliare il concrete (cemento, in inglese) con il virtuale, i beni immobili con quelli mobili, la funzionalità con la redditività, i risultati a breve periodo con quelli a lungo periodo. Come…? Con una “apo-calissi” (dis-velamento, in greco) di una nuova cultura manageriale applicata a una nuova Finanza Immobiliare.

Facility management e finanza immobiliare

[Per capire meglio come cogliere le Opportunità di un moderno e complesso Facility&Property Management, sia con gli attuali Clienti, Fornitori o Investitori sia attraendo dalla Rete quelli più coerenti ai propri Valori, contattaci:  redazione@complexlab.it ]

Premessa (sempre la stessa, saltala pure…)

I “mondi” finanziari e immobiliari (culturalmente incompatibili e inconciliabili) trovano finalmente una proficua “cerniera” nel Facility Management e nel Property Management, capaci di conciliare il concrete (cemento, in inglese) con il virtuale, i beni immobili con quelli mobili, la funzionalità con la redditività, i risultati a breve periodo con quelli a lungo periodo.  Come…? Con una “apo-calissi” (dis-velamento, in greco) di una nuova cultura manageriale applicata a una nuova Finanza Immobiliare

Un affare nel quale si guadagna solo danaro non è un affare – Henry Ford.

Nella II Parte di questa serie di articoli (“La follia disastrosa della (vecchia…) Finanza Immobiliare“) ho condiviso il “bubbone mondiale” degli strumenti di una obsoleta e tossica finanza immobiliare, e la necessità di trovare forme più equilibrate e scientifiche di collaborazione tra culture antitetiche quali quelle finanziarie e immobiliari in una moderna Finanza Immobiliare Complessa.

La “chiave di volta” di una nuova e solida architettura finanziario-immobiliare è rappresentato dal Facility Management , insieme al  Property Management.

Al di là della metaforica considerazione che serve sempre un terzo per conciliare posizioni e culture distanti, è certamente condivisibile osservare che:

  • l’evoluzione della cultura immobiliare è passata, come anticipato nella I Parte, dal costruire per vendere e capitalizzare, al costruire per effettuare trading (rivendite successive dello stesso immobile, tipicamente seconde case, multiproprietà, case vacanze, box auto, ecc…) , al costruire soprattutto “per creare mutui da poi cartolarizzare nei CDOCollateralized Debt Obligations ” (battuta che circolava negli USA prima della crisi subprime!), al costruire immobili… invendibili in un mercato drogato e saturo!
  • l’evoluzione della cultura finanziaria è passata dall’investire in progetti imprenditoriali con possibilità di rivalutazione dei relativi titoli nel medio termine, all’investire su tali titoli come pura scommessa sul loro andamento nel breve-medio periodo, all’investire su strumenti finanziari derivati da tali titoli per accelerare la scommessa nel breve periodo oppure per ridurre i rischi degli andamenti di titoli e valute, all’investire su sofisticati strumenti finanziari derivati (basati però su imponenti e obsoleti apparati statistico-matematici, che ignorano i fondamenti della Teoria della Complessità…!) [vedi mio corso online su: http://www.pfacademy.it/corso.php?idCo=82 ] capaci di convincere autorevoli banchieri, finanzieri governanti, accademici, ecc… sulla possibilità di una agognata conciliazione tra:
    • investire nel solido mattone
    • con le tipiche redditività finanziarie e
    • con la mobilità di capitali che gli immobili tradizionalmente impedivano.

Entrambe le culture sono naufragate proprio sul “veicolo” finanziario-immobiliare che doveva trasportarle verso un fulgido futuro: i CDO (Collateralized Debt Obligations) che promettevano tale miracolosa conciliazione.

Oggigiorno, con una maggior consapevolezza della Complessità Immobiliare e Finanziaria, la moderna e scientifica Finanza Immobiliare sta realizzando una convergenza epocale tra gli ambiti accademici, finanziari, immobiliari e, finalmente, operativo-gestionali!

L’evoluzione delle due culture immobiliare e finanziaria è passata, in sintesi, dal costruire al gestire, dal capital gain alla rendita o redditività.

Domanda: chi ragiona già da tempo, e con un approccio scientifico e imprenditoriale, sui temi della gestione e della redditività immobiliare ? Chi cura la funzionalità , la manutenzione , la messa a reddito e la conseguente contabilità degli immobili ?

Risposta: il Facility Management, insieme al Property Management, che parte dalla cultura immobiliare per tradurla in termini di garanzia di funzionalità e di redditività comprensibili alla cultura finanziaria, che potrà finalmente tornare a investire con maggiore serenità sul “mattone” – solido e duraturo.

Un tipico problema emerso nell’avvio dei Brick Shares ™ (vedi Parte 1) risiedeva proprio nei due approcci antitetici di chi voleva investire (la finanza) e chi aveva un valido progetto (l’immobiliare); il circolo vizioso che s’instaura è: chi ha l’idea valida di un proficuo business case ha necessità di capitali d’investimento; per averli deve convincere gli investitori con un progetto e un business case dettagliati e con qualche garanzia iniziale in termini di caparra sul terreno o immobile oggetto del progetto; tali oneri iniziali non arriveranno mai dai potenziali investitori senza avere prima un tangibile progetto e business case e senza la sicura disponibilità del terreno, o immobile, individuato; insomma, l’ideatore (senza capitali) non può realmente avviare il progetto senza i capitali degli investitori (i quali non riescono ad avere una chiarissima idea del progetto )…

Ecco un primo determinante ruolo del Facility Management e del Property Management: essere i catalizzatori del dialogo proficuo tra l’immobiliare a la finanza:

  • promuovendo il progetto con un piccolo contributo iniziale necessario per sviluppare lo studio e il business case, e le necessarie caparre e costi delle autorizzazioni;
  • garantendo agli investitori, attraverso i propri facility services e facility managers , una visibilità a lungo termine sulla funzionalità, operatività, redditività del progetto;
  • gestendo, insieme ai property managers con i loro property services , la fase di contrattualizzazione del rapporto e di avvio societario che porterà alla realizzazione del progetto e dell’investimento;
  • ricevendo, in ritorno dal piccolo investimento iniziale, la gestione dell’immobile per un periodo medio-lungo.

Ulteriori ruoli determinanti del Facility Management , per catalizzare maggiori e più impegnativi progetti , riguardano la propria capacità di:

  • assorbire cessioni di ramo d’azienda e/o esternalizzazioni (outsourcing ) di attività
  • assorbire la dismissione del personale relativa a tale ramo d’azienda , senza impatti sociali negativi
  • perseguire scientificamente e con determinazione varie forme di risparmi ( saving ) attraverso riduzioni di costo derivanti dalle ottimizzazioni dei propri facility services.

Tutto ciò è “musica per gli orecchi” di finanziatori che cercano sbocchi alla enorme liquidità che non trova più approdi sereni.

 

MORALE: Il Progetto di connubio tra Finanza e Immobiliare (senza la semplicistica soluzione di una inefficace diversificazione degli investimenti immobiliari con una miope prospettiva di breve termine!) è quindi possibile, come sostiene anche l’autorevole prof. Oliviero Tronconi , grazie sia a nuovi strumenti finanziari (Brick Shares ™ ) sia alla collaborazione tra Property Management, Facility Management e Finanza Immobiliare .

Sempre, però, nel rispetto del vero Talento della Complessità, ossia “ saper immaginare scenari futuri possibili prima e meglio di altri!”  

Per ulteriori informazioni e chiarimenti: nicola.antonucci@libero.it

Ad maiora!

Nicola Antonucci

7 maggio 2010

 

 

Nicola Antonucci

Nicola Antonucci

  • Azienda: ComplexLab
  • Posizione: Founder
  • Città: Milano
  • Cell: +393488558073
  • Email:nicola.antonucci@complexlab.it
  • Competenze:
    • Business Development - Digital & Traditional
    • Procurement - Acquisti
    • Facility & Real Estate Management
    • Digital & Content Marketing
    • Finanza - trading systems

etica

Cerchi un matching di Competenza & Etica con un Fornitore o con un Cliente di Servizi di Facility Management?

Approfitta del ns servizio di Digital Business Development !

Scrivici a:

Collaborano al progetto

 

logo ifma completoblu

 


 

logo gestitec polimi

 


 

TeMA Logo

 


 

Financial Broker - Nicola Antonucci

Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
Il Potere di Adesso, l'Eterno Presente...? Ma andiamo oltre, con la Spiritualità Scientifica!

Hai notato quanti "maestri spirituali" pongono al centro del proprio insegnamento questo strapotere del Presente, a discapito soprattutto del Futuro...? Andiamo a capire perché e, soprattutto, qua...

Chi è un(a) Chief Happiness Officer - Manager della Felicità ?

Chi può aiutare aziende che soffrono per il turn-over di talenti e di personale qualificato con crescenti costi e inefficienze nella gestione del personale? Il Counseling (con il Counselor o il Co...

Progetto "Comunità Bene Comune" - dal "disagio ambientale" alle Opportunità

Esiste una "Prima Italia" che soffre molto per un sempre più grave deficit di Civiltà di una "Seconda Italia" in termini di disprezzo di Valori quali: Cultura, Merito, Competenza, Etica, Fiducia,...

Robot Trading Online: il Crollo della Borsa, Umanot ci aveva già avvisato

Umanot, il primo robot per trading automatico italiano basato sull'innovativa Analisi Fisica, "ci dice"... cosa vede in merito alle manovre ribassiste che hanno preparato il crollo della borsa ital...

International Yoga Festival 2018 : Something happens!

SOMETHING HAPPENS - when you live the Parmarth Niketan International Yoga Festival in Rishikesh! DISCOVER WHAT!

Complessità su misura. Ossia: l’insostenibile leggerezza della Complessità

Una recensione dell’ultimo libro di Giuseppe Scifo per capire, e soprattutto pensare, il management (e non solo…) del futuro.

×